La Granda | I Delsoglio: allevare la Piemontese per una carne più buona che si contraddistingue per l’alta qualità
25911
single,single-post,postid-25911,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-2.4.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive
 

I Delsoglio: allevare la Piemontese per una carne più buona che si contraddistingue per l’alta qualità

 

Con La Granda un’unica idea e un unico obiettivo per cui lavorare insieme.

 

 

Ama il lavoro all’aria aperta. Crede nell’innovazione tecnologica se affiancata alle buone pratiche agricole e zootecniche. È Renato Delsoglio, classe 1966, anima e motore dell’azienda agricola che ha creato, anche scontrandosi con il padre, in Frazione Sant’Antonio Baligio. Colonna portante dell’azienda è l’allevamento di bovini di Razza Piemontese che, già il nonno, all’inizio del novecento praticava in una vecchia cascina in quel di Cussanio.

A Sant’Antonio Baligio, a pochi chilometri da Fossano, Antonio Delsoglio, nel 1962, ha acquistato la cascina La Presidenta che, nel corso degli anni, il figlio Renato ha trasformato nel luogo in cui si è stato raggiunto il perfetto equilibrio tra il benessere ambientale, animale e umano e dove l’innovazione e la tradizione hanno trovato un punto d’incontro.

“Ho decretato finito il mio rapporto con la scuola dopo aver sostenuto l’esame di terza media. Da quel momento, avevo quattordici anni, ho sempre lavorato. Per la maggior parte del tempo mi dedicavo all’azienda di famiglia. Era l’inizio degli anni ottanta e mio padre possedeva 30 capi di razza Piemontese e poco più di dieci ettari di terreno da coltivare. A questo aggiungevo qualche lavoro fuori casa”.


All’età di 25 anni, Renato sceglie di dedicarsi esclusivamente alle Piemontesi. Era il 1991 e in azienda si contavano 125 Piemontesi.

Cinque anni dopo, nel 1996, Renato Delsoglio, accoglie il testimone del padre Antonio ed è ufficialmente alla guida dell’azienda di famiglia.

“Mio padre non si fidava dell’importante novità che Sergio Capaldo stava portando nel mondo della zootecnia. Con la possibilità di prendere io le decisioni non ho avuto dubbi: La Granda era l’unica e giusta alternativa per noi allevatori”.


Con l’entrata nel nuovo consorzio La Granda, nel 1996, di cui i Delsoglio sono tra i primi sette che hanno siglato l’atto costitutivo, cambiano le prassi di allevamento in cascina La Presidenta.

Gli animali passano da stabulazione fissa a libera e l’alimentazione è accuratamente selezionata: solo prodotti della terra. I piccoli vitellini nati, inoltre, non sono separati dalla madre ma sono allattati per sei mesi e cresciuti in stalla. La Granda, porta, per i Delsoglio anche la necessità di ampliare la stalla, così nel 1999 se ne costruisce una nuova. Oggi, nelle due strutture presenti in cascina sono ospitate complessivamente 160 Piemontesi.

Fiero e orgoglioso di esserne parte, così Renato descrive la sua avventura in Granda:” ciò che differenzia un bravo agricoltore ed allevatore è la capacità di dare vita a prodotti buoni, che facciano della qualità la loro principale caratteristica. Grazie a Sergio Capaldo ci siamo riusciti. La sua idea è anche la nostra, lavoriamo insieme per un unico obiettivo. È il nostro futuro”.

 

Gli Allevatori de La Granda - Famiglia Delsoglio

Gli Allevatori de La Granda – Famiglia Delsoglio

Gli Allevatori de La Granda - Famiglia Delsoglio

Gli Allevatori de La Granda – Famiglia Delsoglio



Torna al blog