La Granda | Cheese 2017: vent’anni da ricordare con La Granda. I festeggiamenti secondo Sergio Capaldo
27317
single,single-post,postid-27317,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-2.4.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive
 

Cheese 2017: vent’anni da ricordare con La Granda. I festeggiamenti secondo Sergio Capaldo

 

Auguri di Buon Compleanno e, cento di questi giorni! Si concludono i festeggiamenti per il 20esimo compleanno di Cheese e, l’auspicio, è quello di trascorrerne tanti altri così.

 

L’edizione 2017, a tema latte crudo, ha superato la soglia dei 300 mila passaggi e, sebbene sia difficile dire con precisione quale sia stato il numero degli stranieri presenti, il 50% dei partecipanti agli eventi su prenotazione è giunto da fuori Italia.

 

Il buon latte comincia dall’erba. Uno slogan, ma ancor più una verità, che ha animato i quattro giorni della kermesse.

Sulla buona salute di erba, radici e terra, La Granda, e Sergio Capaldo, anima del progetto ma anche presidente del Consorzio Eco-Simbiotico, da sempre prestano grande attenzione.

 

La sala del Cinema Impero, domenica mattina, s’è animata con una tavola rotonda firmata Giusto Giovannetti, presidente del CCS Aosta, Sergio Capaldo, Massimiliano Probo dell’Università di Torino, l’agronomo Francesco Sottile, Agronomo e Lucia Decastelli, Direttrice Generale dell’Istituto Zoop. di Torino e nutrizionista Società Italiana di Nutrizione Umana (SINU). Al centro del dibattito l’analisi del microcosmo che abita sotto i nostri piedi e la nuova frontiera in campo agricolo: il simbiotico. Facciamo quindi attenzione: i microrganismi, quelli buoni, sono nostri amici, vogliono bene alla terra e fanno del bene all’uomo!

 

Agricoltura simbiotica, buone pratiche agricole e benessere della terra, dell’animale e dell’uomo sono stati anche i temi di un secondo dibattito nella verde cornice di Local, la bottega firmata Unisg. Questa volta sono stati gli allevatori Bergese e i casari Rabbia ad illustrare il perché, e le buone motivazioni, di un’agricoltura, zootecnia e lavorazione che rispetta l’intera filiera. La qualità del latte e del formaggio passa prima dalla terra!

 

Tra antichi mestieri e frontiere tecnologiche. La Granda, la sua carne e il suo progetto, sono stati al fianco di Bbbell. In occasione di Cheese, l’azienda Piemontese Leader nelle telecomunicazioni wireless, ha presentato Monfrà- Il Panino Piemontese concepito dal creative chef Domenico Sorrentino. Insieme al formaggio Montèbore anche il presidio sulla Razza Piemontese, la cruda de La Granda: bello da vedere ma buono, pulito e giusto da gustare!

 

Oltre alle idee e ai dibattiti, Cheese è stata anche l’occasione per sfamare il pubblico con Giotto, l’anti-hamburger de La Granda e Non è un Kebab.

Perché si sa, la filosofia va anche assaggiata!

 

La Granda a Cheese 2017 - Presidio Slow Food della Razza Bovina Piemontese

La Granda a Cheese 2017 – Presidio Slow Food della Razza Bovina Piemontese

La Granda a CHEESE 2017 - Bra

La Granda a CHEESE 2017 – Bra

La Granda a Cheese 2017 - Presidio Slow Food della Razza Bovina Piemontese

La Granda a Cheese 2017 – Presidio Slow Food della Razza Bovina Piemontese

La Granda a Cheese 2017 - Presidio Slow Food della Razza Bovina Piemontese

La Granda a Cheese 2017 – Presidio Slow Food della Razza Bovina Piemontese