La Granda | Buone notizie dal mercato: il consumo di carne rossa è stabile
28508
single,single-post,postid-28508,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-2.4.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive
 

Buone notizie dal mercato: il consumo di carne rossa è stabile

La carne che resiste. Il consumo di carne bovina, negli ultimi venti anni, è rimasto sostanzialmente stabile.

In occasione di Fake News, sensazionalismo e consumo di prodotti animali, su iniziativa del Comitato Consultivo per le produzioni animali, sulla base dell’elaborazione dei dati FAOSTAT, la carne rossa si conferma vittima di fake news e non ha altre colpe.

Il valore di consumo apparente di carne è di 230 grammi a persona al giorno, quello reale è di 110 grammi. La differenza è in linea con il processo di trasformazione della carne e, conseguentemente, coerente ai dati di resa media della carne edibile e la carcassa degli animali.

Il consumo reale di carne bovina si fissa così tra i 10 e gli 11 chili pro capite annui. Numeri questi che non devono fare paura: tutte le riflessioni sul consumo eccessivo di carne tengono come soglia i 19,2 chili a persona.

È lecito quindi interrogarsi su quale siano le ragioni per cui è consumata poca carne.

Al banco degli imputati salgono quindi le fake news e tutti gli articoli scandalistici che influenzano il mercato. La disinformazione è figlia di chi crede che una cattiva notizia sia una buona notizia e di chi sceglie di comunicare con un linguaggio che non facilita la comprensione a tutti i consumatori.

Lasciamo quindi la parola a chi, nella quotidianità della vita lavorativa si occupa di sicurezza alimentare, nutraceutica, qualità e a tutte le aziende che abbinano alla produzione anni di ricerca scientifica.