La Granda | Allevare la Razza Piemontese: la prima passione di Andrea Battisti
28773
single,single-post,postid-28773,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-2.4.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive
 

Allevare la Razza Piemontese: la prima passione di Andrea Battisti

Dal 2007 con La Granda: insieme per la nascita di una filiera di qualità

 

L’eco del motore fa capolinea in azienda agricola. Le gomme si placano. Il casco poggia delicatamente sull’anima dell’Harley Davidson. Andrea Battisti, classe 1963, scende dalla moto, si distrae raccontando di qualche viaggio in provincia. Il suo sguardo, però, non mente: volge gli occhi alla stalla, dove, i capi di Razza Piemontese, chiamano il loro padrone.

L’azienda agricola della famiglia Battisti si trova in quel di Moretta, nel comprensorio di Frazione Pasco, un’oasi agricola e contadina. Qui si contano 180 capi di cui 100 fattrici e 3 tori. La fecondazione avviene solo secondo il metodo naturale.

“C’è un tempo per essere allevatori. Il nostro è iniziato il secolo scorso, siamo cresciuti insieme gli animali. Nel tempo, la Razza Piemontese, da sempre a triplice attitudine, è stata compagna di storie diverse”, racconta Andrea Battisti, oggi alla guida dell’azienda.


 

Alla fine degli anni settanta, Cristoforo Battisti, papà di Andrea, praticava l’allevamento di Razza Piemontese per la produzione di latte e, contestualmente, vendeva i mangiarin –dal dialetto vitello svezzato di cinque mesi e con un peso variabile intorno ai 200 chili.

Il passaggio all’esclusiva attitudine da carne è stato lento, una questione graduale, condivisa in famiglia che ha modificato l’assetto stesso dell’azienda agricola. “Nonostante ciò, siamo stati tra i primi, nella provincia di Cuneo, a praticare la stabulazione libera sia d’estate, sia d’inverno. Ho reso la necessità una virtù, abbinando allo spazio in stalla la scelta dei prati polifiti e dell’alpeggio. Inoltre, ho sempre preferito il ciclo chiuso, all’inizio solo per i maschi interi”, prosegue Battisti.


 

Il 2007 rappresenta l’anno de La Granda. “Il destino mi ha guidato verso il neonato Consorzio. Ho partecipato ad una riunione di allevatori e così nacque l’amore platonico con Sergio Capaldo. Insieme, perché da sempre è stato un progetto comune, abbiamo dato vita ad una filiera. In stalla ho solo apportato qualche modifica all’alimentazione delle vacche, aggiungendo lino e lievito”, conclude Battisti.

 

Federica è nata nel 1998, Fabio è del 2000 mentre Fabrizio nel 2002. Crescono nell’azienda agricola di famiglia e sono nutriti dalla stessa passione del padre.

 

Gli Allevatori de La Granda - Andrea Battisti

Gli Allevatori de La Granda – Andrea Battisti

Gli Allevatori de La Granda - Andrea Battisti

Gli Allevatori de La Granda – Andrea Battisti

Gli Allevatori de La Granda - Andrea Battisti

Gli Allevatori de La Granda – Andrea Battisti

Gli Allevatori de La Granda - Andrea Battisti

Gli Allevatori de La Granda – Andrea Battisti



Torna al blog